Aggredì nudo a sprangate una donna, ferì poliziotti e carabinieri, sfasciò auto e vetrine. L’immigrato del Togo è incapace: nessuno probabilmente pagherà i danni.

In Consiglio provinciale proposi – con una mozione poi respinta a maggioranza –  che la Provincia si attivasse per garantire una immediata copertura dei danni subiti dai cittadini, in particolare la sventurata donna aggredita in auto, con il veicolo semidistrutto a colpi di sbarra d’acciaio e letteralmente terrorizzata.

Solo 9 colleghi (del centrodestra, italiano e tedesco) in aula votarono a favore. 17 furono i contrari che sostenevano che bisognava attendere gli accertamenti della Giustizia. “La responsabilità sarà attribuita dai giudici e l’autore del gesto pagherà” – sostennero.

Invece , l’autore è incapace, quindi zero responsabilità. Con questo atteggiamento pilatesco della Provincia nessuno risarcirà dei danni subiti le vittime dell’insano gesto.

Una dimostrazione della peggiore politica, quella che non decide e scarica sui cittadini tutti i problemi. Si vergognino quanto l’incapace di intendere e volere del Togo che sino al giorno prima lavorava come se niente fosse.

Lo ha dichiarato in una nota il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia – L’Alto Adige nel cuore Alessandro Urzì.