La scuola dell’infanzia di Brennero rimarrà aperta.

Lo comunica l’assessore provinciale alla Scuola e Formazione in lingua italiana Giuliano Vettorato in risposta ad un’interrogazione del consigliere provinciale Alessandro Urzì.

“Con il consigliere comunale Giuseppe Sabatelli e Sandra Pederzini – precisa Urzì – seguiamo la problematica da tempo e ci eravamo già attivati in precedenza con l’ex assessore Tommasini. Appena insediatosi il nuovo assessore Vettorato abbiamo chiesto immediatamente una sua decisa presa di posizione, a tutela della struttura per l’infanzia di Brennero.  La sua riposta ci rassicura e tranquillizza ancora di più le famiglie residenti al Brennero, considerato che l’alternativa sarebbe stata il trasferimento dei bambini, ricordiamo tutti di età compresa tra i due anni e mezzo e i cinque, nella frazione di Colle Isarco.

Nell’ultimo anno – prosegue il consigliere Urzì – la scuola era rimasta aperta in deroga, ma solo con la garanzia per l’anno corrente.  Accogliamo quindi con soddisfazione che la ventilata soppressione non avrà luogo, ma chiediamo che vengano attuati anche degli interventi per garantire la sua rivitalizzazione a garanzia di mantenimento nel tempo, trattandosi di un presidio fondamentale di cultura ed integrazione per il Comune di Brennero “

Nella risposta pervenuta dall’assessorato alla Formazione italiana si specifica che secondo la normativa vigente non sussistono i presupposti per la soppressione della scuola dell’infanzia di Brennero. Infatti, la Legge Provinciale prevede che una scuola dell’infanzia venga soppressa d’ufficio, qualora sia frequentata da meno di cinque bambine e bambini. La Giunta provinciale decide sull’eventuale soppressione, qualora per almeno due anni scolastici consecutivi il numero delle bambine iscritte e dei bambini iscritti vari tra cinque e dieci. Nella scuola dell’infanzia di Brennero negli ultimi tre anni scolastici i bambini iscritti non sono mai stati meno di 12, mentre per l’anno scolastico 2019/2020 il numero dei bambini iscritti è pari a 14.