Odori sgradevoli, rifiuti abbandonati, e urina nelle soffitte delle case Ipes di via San Valentino 22 a Brennero.

La segnalazione è giunta dagli stessi inquilini, esasperati da comportamenti incivili che ormai vanno avanti da parecchio tempo. Negli spazi comuni delle soffitte viene abbandonato ogni genere di rifiuto, e spesso le stesse sono usate come latrine a cielo aperto. I miasmi che ne derivano sono insopportabili.

Della questione se ne  è occupato anche il consigliere provinciale dell’Alto Adige nel cuore – Fratelli d’Italia Alessandro Urzì che presenterà un’interrogazione in Provincia.

“Sempre più spesso- ha commentato Urzì – nelle case Ipes di tutta la Provincia sono segnalate situazioni di degrado destinate a peggiorare se l’Istituto non si deciderà a prendere provvedimenti efficaci per prevenire e contrastare situazioni come quella denunciata a Brennero. Richiami e multe per iniziare fino alla revoca dell’alloggio nei casi più gravi. Altrimenti di questo passo la Provincia perderà il controllo del proprio patrimonio di edilizia sociale che diventerà terra di nessuno.

La stragrande maggioranza degli inquilini Ipes – ha concluso Urzì – sono persone per bene che nulla hanno a che vedere con questi episodi ma meritano maggiori attenzioni da parte dell’Istituto. Peraltro il Regolamento dell’Ipes prevede che le spese straordinarie per la pulizia degli spazi comuni siano ripartite tra tutti i condomini, qualora non si riesca ad individuare chi abbia sporcato:  un’ulteriore beffa per gli inquilini onesti e diligenti.