Ponte Widmann di Bressanone, c’è l’interrogazione di Urzì Il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì ha presentato un’interrogazione urgente in Provincia per sapere che tipo di concertazione sia in atto fra i competenti uffici provinciali – Belle arti, Lavori pubblici, etc. – e il comune di Bressanone per reperire con urgenza delle soluzioni per il risanamento del ponte Widmann di Bressanone nel rispetto del valore storico del manufatto e per una piena riconsegna ai cittadini dell’infrastruttura. Urzì ha chiesto anche di sapere se sia stata fatta una valutazione sulla sicurezza al fine di assicurare anche la prevenzione di rischi per i pedoni e i ciclisti, gli unici che tuttora sono autorizzati a transitare sul ponte.

La precaria situazione di ponte Widmann, che attraversa l’Isarco e la Rienza, è nota: la struttura, risalente alla fine del 1800, mostra tutti i segni della sua ultracentenaria età. Solo pochi giorni fa alcuni passanti avevano segnalato il distacco di alcune parti metalliche dalla base del ponte, alcune rimaste appese, altre finite in acqua. Negli scorsi anni, dopo un incidente in cui una betoniera era rimasta incastrata nelle arcate metalliche, il ponte era stato definitivamente chiuso al transito di auto e camion, in attesa dei necessari interventi di riqualifica.


La segreteria del consigliere Alessandro Urzì (FdI)