Il “Decreto Rilancio” recentemente entrato in vigore ha previsto l’esonero del versamento delle tasse per l’occupazione degli spazi pubblici da parte delle imprese di pubblico esercizio per il periodo dal 1 maggio al 31 ottobre  Un provvedimento di buon senso inteso come incentivo per promuovere la ripresa delle attività turistiche danneggiate dall’emergenza conseguente alla pandemia Covid-19.

Provvedimento efficace su tutto il territorio nazionale, ma non in Provincia di Bolzano, come segnalato dal referente meranese di Fratelli d’Italia Alfonso Ponticelli. In Alto Adige infatti la normativa vigente prevede solo il differimento del pagamento dei tributi dovuti che andranno versati entro il prossimo 16 dicembre.

A tal proposito il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia – L’Alto Adige nel cuore Alessandro Urzì ha presentato un’interrogazione urgente al Presidente della Provincia Arno Kompatscher chiedendo di modificare il dispositivo dell’ordinanza provinciale per recepire anche in Alto Adige quanto previsto dalla normativa nazionale. “La norma provinciale costituisce un’ingiusta penalizzazione per il settore del turismo altoatesino – ha commentato Urzì-  già particolarmente colpito dalle restrizioni causate dal virus. Va modificata al più presto.”