Una iniziativa concreta, una campagna decisa che deve toccare la coscienza di ciascuno di noi: adottiamo un commerciante, un artigiano, un albergatore, un ristoratore.

“La lancio a tutti gli Italiani oggi costretti a casa, con le conseguenze che conosciamo su tutto il mondo delle piccole e medie imprese. Un appello rivolto solo a chi ha di suoi i mezzi economici per permetterselo: impegnarsi da ora (facendoglielo sapere) superato questo immane blocco a fare una spesa record nel suo negozio (se ha scelto un commerciante), a chiamare un artigiano a casa (se preferisce dei lavori domestici o in ditta), a soggiornare in un hotel di fiducia, a portare degli amici a cena se preferisce adottare un ristoratore e via di seguito…”, ha dichiarato Alessandro Urzì, consigliere provinciale e regionale di Fratelli d’Italia-L’Alto Adige nel Cuore.

“Fare questo gesto anche se non se ne ha effettivo bisogno, come impegno per risollevarci. Io la mia scelta la ho già fatta. Ovviamente aspettando nel frattempo anche gli aiuti di Stato e dell’Europa ma che mai riusciranno a risarcire dalle perdite chi è in prima linea con le proprie attività economiche. Facciamo anche noi la nostra parte”, ha concluso Urzì.