Pur apprezzando ogni iniziativa utile a dare sollievo alla popolazione non condividiamo l’iniziativa pericolosa della Provincia di offrire scaldacollo gratis alla popolazione in alcuni punti vendita.

Il rischio è la creazione di assembramenti, di favorire l’uscita di casa, di moltiplicare i contagi. Fermiamo questa iniziativa finché siamo in tempo. Domani dovremo capirne di più. Si può distribuire materiale non omologato? Chi lo produce? Quanto costa? MA INTANTO NON METTIAMOCI, NON METTETEVI IN CODA PER UNO SCALDACOLLO CHE NON È UNA MASCHERINA E NON È OMOLOGATO.

Lo ha dichiarato il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia – L’Alto Adige nel cuore Alessandro Urzì

[AGGIORNAMENTO] In data 22 marzo, il consigliere provinciale Alessandro Urzì ha presentato un’interrogazione urgente alla Giunta provinciale sulla distribuzione degli scaldacollo avvenuta in Alto Adige nelle scorse ore.