Forest: creare un polo natatorio collocando una vasca da 50 metri a fianco dell’attuale piscina coperta

 

In merito alle recenti polemiche sulla vasca da 50 metri necessaria per lo sport agonistico di Bolzano, in virtù del livello raggiunto dalle atlete provinciali, porto a conoscenza della proposta da me avanzata in varie sedi.

La necessita di una vasca da 50 m per allenamento ed eventuali competizioni è una necessità che le società sportive dell’Alto Adige palesano da se…mpre e che viene acuita dai sempre crescenti risultati a livello nazionale ottenuti dai nostri atleti (ricordo che l’Italia vanta una delle tra le forti squadre nazionale al mondo).

Il ventilato progetto di rifacimento dell’impianto di via maso della pieve oltre ad essere in zona decentrata rispetto alla città comporterebbe il trasferimento per almeno due anni degli atleti cannibalizzando la già insufficiente offerta di piscine della nostra città.

Nell’ambito della ristrutturazione dello stadio Druso si potrebbe allargare l’orizzonte del progetto (ristretto al solo calcio) inserendovi una vasca da 50 metri da collocare a fianco dell’attuale piscina coperta creando un polo natatorio che sfrutterebbe le sinergie possibili tra i due impianti, contestualmente allargare tale progetto (anche in tempi differenti compatibilmente con le risorse comunali) anche agli impianti adiacenti allo stadio per migliorare l’offerta di impianti sportivi del nostro comune.

Gli spazi sarebbero sufficienti (vedi foto aerea) e se adeguatamente sfruttati creerebbero spazio per ulteriori attività sportive.

A disposizione per ulteriori chiarimenti o delucidazioni

Filippo Forest
Consigliere Comunale di Bolzano