Ho depositato in consiglio comunale una mozione volta alla creazione anche nella nostra città di parchi giochi inclusivi. L’idea è partita dai nostri consiglieri di circoscrizione Kevin Morghen (Oltrisarco-Aslago) e Alessandro Cavalli (Don Bosco) che hanno presentato iniziative simili anche nei consigli di quartiere. L’idea è che però questo progetto venga esteso a tutta la città in modo da evitare di avere zone scoperte.

“Se leggiamo l’art. 31 della Convenzione dei diritti sull’infanzia e l’adolescenza insieme all’articolo 3 della Costituzione potremmo dire che: i minori, i bambini, i bambini portatori di handicap hanno tutti lo stesso diritto di giocare e di poter avere dei momenti di svago, momenti ludici e che spetta allo Stato il compito di rimuovere gli ostacoli che impediscono una reale eguaglianza tra gli stessi.

In diverse città sono già stati avviati e realizzati progetti di “parchi giochi inclusivi” ovvero di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve possono giocare insieme. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri…), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostrine girevoli che possono essere utilizzate da tutti.

Allo stato però risultano completamente assenti, in città, aree gioco di questo tipo che consentono una vera integrazione tra tutti i bambini.

Esistono diverse aziende che producono attrezzature idonee ad essere utilizzate da tutti i bambini.

E’ pertanto possibile adattare con piccoli interventi anche i parchi già presenti sul territorio cittadino a questo scopo.”

Queste le premesse della mozione. In allegato il testo completo della mozione e i  documenti presentati dai consiglieri Cavalli e Morghen.

L’iniziativa partita dalle circoscrizioni dimostra come quando i consiglieri di circoscrizione interpretano in modo propositivo il loro ruolo si possano produrre importanti iniziative per tutta la città.

 

Gabriele Giovannetti

Consigliere comunale di Bolzano – L’Alto Adige nel cuore