E’ stato sospeso oggi in I Commissione legislativa il disegno di legge, primo firmatario Simoni, per l’istituzione della figura del Sindaco Emerito. Nessuna sorpresa, la proposta aveva già subito la pesante bocciatura da parte del Consiglio dei Comuni di Bolzano che con malcelata supponenza non solo aveva manifestato i propri dubbi a riguardo, ma senza molti giri di parole aveva chiaramente fatto capire che anche per i sindaci è arrivata l’ora di istituire il vitalizio. Il disegno di legge, presentato dalle opposizioni trentine, mirava a creare la figura, a titolo onorifico e gratuito, del sindaco emerito. Ma vista la mal parata, il presentatore ha preferito, per il momento, sospenderlo.

“Da parte della Regione – si legge nel parere del Consiglio dei Comuni – i Sindaci si aspetterebbero proposte molto più concrete (e non chiacchiere come il disegno di legge sotto esame, sembra di capire n.d.r.) come per esempio che vengano finalmente create le basi giuridiche per la regolamentazione della previdenza sociale dei sindaci”. I vitalizi, insomma.

Del Consiglio vale la pena ricordare che fa parte anche il già sindaco pensionato Caramaschi che non è ben chiaro se ritenga di aggiungere a pensione altra pensione. Non vi fanno parte per onore della cronaca Laives o #Brunico, per citarne alcuni, ma Merano sì.

Una impudenza senza limiti che lascia interdetti.

Alessandro Urzì
Consigliere regionale e provinciale de L’Alto Adige nel cuore