Con una interrogazione al Presidente della Provincia Kompatscher, esprimendo soddisfazione per la fuga di notizie che a Merano ha fatto intendere la possibilità di un interesse da parte di un gruppo industriale di Oltreoceano verso lo stabilimento della Solland di Sinigo, il Consigliere provinciale de L’Alto Adige nel Cuore Alessandro Urzì ha chiesto di informare il Consiglio provinciale sui passi che la medesima Provincia intenda assumere per creare le migliori condizioni per cui l’operazione possa realizzarsi in un quadro comunque di assoluta chiarezza che sgombri il campo da ogni possibile sospetto di speculazione.

“La città di Merano ed i lavoratori del comparto attendono una soluzione che restituisca al complesso la sua funzione nell’economia del comprensorio e garantisca livelli occupazionali che possano mettere in sicurezza decine e decine di famiglie”, ha dichiarato Urzì.

“In questo momento si chiede a forze sindacali, amministrazioni comunale, statale e provinciale, forze politiche e sociali di unirsi nel sostenere questa speranza. Alla Provincia chiedo però anche di garantire la copertura di tutti gli oneri assunti sinora, rassicurando le famiglie di lavoratori ancora impegnati, ma garantendo anche un controllo serrato per evitare ogni forma di speculazione”, ha concluso il Consigliere provinciale de L’Alto Adige nel Cuore.