TERMOVALORIZZATORE, RIMASTO LETTERA MORTA L’ORDINE DEL GIORNO APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE CHE PREVEDEVA SCONTI DELLE TARIFFE PER BOLZANO E COMUNI LIMITROFI

In tutta Europa viene attuata in forma virtuosa la politica del “risarcimento”, nei riguardi delle aree oggetto di interventi invasivi ed ad alto impatto ambientale. I cittadini interessati ottengono una sorta di compensazione economica attraverso l’applicazione di tariffe agevolate per i servizi prodotti sul proprio territorio. In Provincia di Bolzano, nonostante un Ordine del Giorno di Alessandro Urzì approvato nel dicembre del 2012 dal Consiglio provinciale, questa forma di incentivo non ha trovato applicazione pratica.
“Nell’impianto di incenerimento di Bolzano sud – afferma il consigliere Alessandro Urzì – vengono trattati i rifiuti provenienti dal resto del territorio provinciale che è rimasto immune dalla realizzazione di altri impianti. Il Comune di Bolzano e quelli limitrofi di Bronzolo, Vadena, Laives ed Appiano sono maggiormente esposti alle emissioni, per quanto depurate in base ai più moderni standard di contenimento dell’inquinamento. In seguito al previsto conferimento di rifiuti proveniente anche dal trentino, così come disposto dal governo nazionale, l’attività di incenerimento verrà incrementata con contestuale maggior emissione di fumi e di polveri sottili.” E’ pertanto necessario – conclude Urzì – dare seguito a quanto approvato dal Consiglio provinciale ed applicare le tariffe agevolate per coloro che risiedono nei comuni interessati. A tal proposito il Consigliere Urzì annuncia di aver presentato un’interrogazione per sapere per quale ragione l’Ordine del giorno non sia stato ancora recepito e se la Giunta provinciale non ritenga opportuno provvedere a concordare con sollecitudine con i Comuni quelle tariffe agevolate sul quale c’era stato un impegno del Consiglio provinciale.

La segreteria del Consigliere provinciale Alessandro Urzì
Gruppo consiliare provinciale L’Alto Adige nel cuore

Di seguito il testo dell’interrogazione:

Al Signor Presidente
del Consiglio provinciale
B O L Z A N O

INTERROGAZIONE
Per quale ragione l’Ordine del Giorno approvato in Consiglio provinciale che prevedeva tariffe agevolate per i residenti non ha trovato applicazione pratica ?

Premesso che il 13 dicembre 2012 il Consiglio della Provincia Autonoma di Bolzano ha approvato con 25 voti favorevoli un nostro ordine del giorno che impegnava la Giunta provinciale a “a dettare, quale ente che ha realizzato il termovalorizzatore, una politica tariffaria da parte degli enti gestori futuri che tenga conto di sconti e agevolazioni per i cittadini che risiedano nel comune interessato alla costruzione del nuovo termovalorizzatore e comuni limitrofi.”
Considerato che in tutta Europa la politica del “risarcimento” viene attuata in forma virtuosa. I territori oggetto di interventi invasivi e ad impatto ambientale significativo ottengono una sorta di compensazione economica attraverso tariffe agevolate per i servizi prodotti sul proprio territorio.
Rilevato che nell’impianto di Bolzano sud vengono attualmente trattati, ossia inceneriti, i rifiuti provenienti non solo dal capoluogo ma dall’intero territorio provinciale che è rimasto immune dalla realizzazione di altri impianti di incenerimento; infatti se inizialmente ne erano stati ipotizzati altri, la resistenza di quelle comunità locali ha sempre scongiurato queste eventualità.
Preso atto che allo stato attuale non sono ancora state applicate delle tariffe agevolate relative al conferimento dei rifiuti per i residenti nel Comune di Bolzano e dei comuni limitrofi di Bronzolo, Vadena, Laives ed Appiano che per collocazione geografica sano quelli maggiormente esposti alle emissioni provenienti dal termovalorizzatore sito a Bolzano sud, per quanto queste siano depurate in base ai più moderni standard di contenimento dell’inquinamento.
Rilevato che l’ordine del giorno così come approvato in Consiglio provinciale non abbia trovato applicazione pratica nella politica tariffaria applicata all’utenza.
Considerato infine che in seguito al conferimento di rifiuti proveniente anche da fuori provincia, così come disposto dal governo nazionale, l’attività di incenerimento verrà incrementata con contestuale maggior emissione di fumi e di polveri sottili.

Tutto ciò premesso e considerato

SI INTERROGA
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE
E/O L’ASSESSORE COMPETENTE
per sapere:

1) per quale ragione l’ordine del giorno approvato in data 13 dicembre 2012 dal Consiglio della Provincia Autonoma di Bolzano non sia stato recepito e in conseguenza non siano state applicate delle tariffe agevolate relative al conferimento dei rifiuti per i residenti nel Comune di Bolzano e dei comuni limitrofi di Bronzolo, Vadena, Laives ed Appiano
2) se non si ritenga opportuno provvedere a concordare con sollecitudine con i Comuni quelle tariffe agevolate sul quale c’era stato un impegno del Consiglio provinciale;
3) cosa abbia impedito sinora l’applicazione delle misure sopra richiamate.

Bolzano, 31 agosto 2015
Alessandro Urzì