Alla fine ancora in alto mare l’ipotesi di ricollocazione dell’affresco di Luigi Senesi distaccato nel 2010 dalla facciata esterna del Liceo Carducci di Bolzano (poi abbattuto e ricostruito).

L’assessore Christian Tommasini ha finalmente risposto alla richiesta di informazioni circa il destino dell’opera avanzata con una mia interrogazione che raccoglieva il giusto richiamo avanzato alle istituzioni competenti dal già preside dello stesso Carducci professor Vito Mastrolia.

“Relativamente alla sua ricollocazione – risponde Tommasini – si stanno avviando i lavori di una apposita commissione di esperti che valuterà la ricollocazione dell’opera sotto gli aspetti tecnici, artistici, conservativi e di restauro ed in considerazione della sua valorizzazione nel contesto cittadino e scolastico”. In altre parole delle buone intenzioni ancora da trasformare in atti concreti.

Non è dato sapere quando saranno avviati i lavori di questo gruppo di esperti e da chi sarà costituito ma nemmeno quali risorse potranno essere messe a disposizione (nella risposta all’interrogazione si dice che per adesso non ce ne sono) e quali potrebbero essere le sedi disponibili ed adatte ad accogliere l’opera.

Si apprende solo, dietro mia sollecitazione, che l’affresco “è conservato in un adeguato deposito provinciale al fine di garantirne la migliore conservazione” ma non si dice dove e quale sia lo stato attuale.

Sarà mia cura tornare a sollecitare passaggi finalmente concreti sulla via del recupero di un’opera donata alla Città ed oggi quanto mai misteriosamente in attesa di un recupero.

Alessandro Urzì
L’Alto Adige nel cuore